pantaloni sottotuta sci

Sottotuta Sci - Stare Al Caldo Sulla Neve

Che tu stia andando in montagna per la prima volta o per la millesima volta, il dibattito sui migliori strati di base è acceso dall’inizio dei tempi. Ma non preoccuparti, perché siamo qui per aiutarti non solo a scegliere i migliori base layers, ma anche a imparare un po’ su cosa li fa funzionare. 

Prepararsi per un’avventura in montagna non deve essere un lavoro ingrato. Può essere un’arte! Beh, forse siamo solo noi che siamo super nerd riguardo a tutto ciò che riguarda la neve (come al solito), ma ehi, ci deve essere una via di mezzo, giusto? Quindi, senza ulteriori divagazioni da parte nostra, entriamo e scopriamo un po’ di più sugli strati di base o sottotute sci, la stratificazione e su come puoi trarne il massimo nel tuo prossimo viaggio.

Cosa indossare sotto i pantaloni da sci - Navigazione veloce

Pantaloni Sottotuta Sci Basic

Quando si tratta di stratificazione, e in particolare di stratificare i pantaloni da sci per una giornata sulle piste, ci sono un paio di variabili da ritenere.

In primo luogo, entra in gioco la questione delle preferenze e dell’esperienza personale. Se sei il tipo di persona che generalmente sta abbastanza al caldo quando fa freddo, o preferisci essere leggero sui tuoi piedi con un paio di pantaloni che non hanno isolamento, o se ti piace essere caldo e caldo tutto il giorno con un sacco di isolamento accogliente. 

In secondo luogo, il modo in cui guidi può avere un ruolo. Ma ci arriveremo.

Fondamentalmente, la struttura è la stessa. E questo è che vorrai indossare un paio di pantaloni sottotuta sci. La decisione principale viene dalla scelta del tessuto, del peso e della combinazione dei pantaloni. Quindi diamo un’occhiata alla differenza che il tessuto farà e cosa ha ciascuno in termini di proprietà.

What To Wear Under Ski Pants

Tessuti

I due tessuti principali che incontrerai nel mercato dei base layer e sottotuta sci uomo / sottotuta sci donna  sono il poliestere e la lana merino. Ognuno ha i suoi punti positivi, quindi parliamo di ciascuno a turno. 

Poliestere

I tessuti in poliestere possono essere miscelati con altri come elastan o spandex per dare loro un po’ di elasticità extra e possono essere manipolati in modo che i tessuti siano altamente traspiranti, ad asciugatura rapida e traspiranti. 

Ciò significa che se inizi a scaldarti e produci molta umidità, potresti essere incline a scegliere il poliestere perché ti manterrà a tuo agio tutto il giorno. Il poliestere può anche essere prodotto con un interno spazzolato o con una sensazione al tatto super morbida, quindi ideale anche per chi ha la pelle sensibile o che desidera semplicemente un’esperienza più confortevole! 

Il poliestere tende anche ad essere un po’ più fresco della lana merino, quindi per coloro che sono impegnati in attività più faticose come scialpinismo e backcountry o nel park, il poliestere può essere una scelta solida. Se hai dei pantaloni imbottiti, potrebbero sembrare un po’ meno traspiranti, quindi avere uno strato di base ad asciugatura più rapida può essere un’ottima scelta se non ti raffreddi troppo facilmente. 

Polyester Base Layer

Lana Merino

Merino è un tipo di lana molto popolare per gli strati di base e sottotute da sci grazie alle sue proprietà naturali, le principali delle quali sono l’elevato comfort e il calore. È anche sorprendentemente traspirante considerando che è lana, un materiale che tradizionalmente assorbe l’umidità. Scoprirai che è specificamente utilizzata perché ha queste caratteristiche e, come tale, è preferito da alcuni dei marchi di fascia alta. 

Per tutti i riders che svolgono attività al freddo o per coloro che hanno davvero bisogno di concentrarsi sulla regolazione del calore, Merino è un’ottima scelta. Perfetta da abbinare a pantaloni non isolati per quel tocco in più di ritenzione del calore, o da abbinare a pantaloni isolanti se stai sciando in climi più freddi, La lana merino dovrebbe essere il punto di riferimento per chiunque abbia freddo facilmente. 

In termini di prestazioni, la lana merino né ottima, ma scoprirai che non si asciuga rapidamente o è traspirante come il poliestere, quindi per quei giorni più difficili, potrebbe diventare un po’ umido.

Tipi, Forma & Vestibilità

Un’altra domanda che dovrai affrontare quando scegli il tuo pantalone sottotuta preferibile è se vuoi optare per un vero e proprio “strato di base” o se preferisci seguire il lungo percorso della biancheria intima tecnica, o anche il percorso dei leggings.

The Classic Base Layer

Il base layer classico

Ora gli stessi strati di base non sono molto lontani da nessuno di questi, ma generalmente si tratta di pantaloni / sottotuta da sci indossati sopra la biancheria intima e sotto i pantaloni da sci. In questo caso puoi spesso trovarne di più aderenti e più larghi. I modelli in poliestere tendono ad essere più aderenti in quanto la vestibilità aderente spesso aiuta a eliminare gli sfregamenti e fornisce una migliore traspirazione. 

Gli strati di base in lana merino sono solitamente un po’ più larghi e mirano maggiormente a intrappolare il calore utilizzando strati d’aria (tra lo strato di base e la tua pelle, e lo strato di base ei pantaloni). Ciò impedirà al calore di attraversare così facilmente.

Ma qual è il migliore? Bene, questo dipende da quello che preferisci. Un base layer in poliestere aderente e solitamente elastico sarà meno evidente quando viene indossato. Non strofinerà, non si raggrinzirà o restringerà, ma avrai qualcosa che aderirà alla tua pelle tutto il giorno. 

I modelli più larghi possono essere più evidenti, ma daranno alla tua pelle un po’ più di spazio. Quindi questa è una scelta che spetta a te!

The Long John

I Long John - biancheria intima lunga

Quando si tratta di biancheria intima lunga, stai scegliendo un capo che fa sia il lavoro della tua biancheria intima (vale a dire sostegno e comfort) sia di un base layer (che mantiene il calore). Di solito sono solo boxer o biancheria intima con le gambe lunghe e spesso possono essere chiamati long-johns, ovvero mutandoni. 

Sono una buona scelta se ti piace l’idea degli strati di base in poliestere, non senti troppo freddo di solito e vuoi solo snellire i tuoi strati. Tuttavia, non tendono ad essere altrettanto tecnici, quindi potresti dover sacrificare un po’ delle prestazioni del baselayer dedicato. La maggior parte delle volte non vengono nemmeno realizzati in lana merino, quindi se speravi in ​​mutande lanose, ci dispiace deluderti.

Dope Razor Leggings

Leggings

E per quanto riguarda i leggings? Molti leggings, realizzati soprattutto da aziende di abbigliamento sportivo invernale, sono in grado di poter essere utilizzati anche come baselayer, e spesso lo fanno molto bene. I loro orli solitamente più corti funzionano bene con i calzini da sci, e le loro cuciture piatte sfalsate per eliminare gli sfregamenti in palestra di solito si traducono molto bene per l’uso in montagna. Ed essendo realizzati per dissipare tutto il sudore di un’intensa lezione di spin, sono adatti a far fronte a un po’ di umidità invernale.

Tuttavia, lo svantaggio principale è la massa. Concentrandosi sull’essere uno strato “esterno” per il loro lavoro quotidiano, i leggings da palestra a volte possono sembrare un po’ ingombranti rispetto al baselayer più leggero. Ma se stai cercando qualcosa di più caldo del baselayer in poliestere standard, i tuoi leggings saranno un buon sostituto. 

Il Verdetto

Dovresti assolutamente indossare un baselayer come sottotuta sci. Questo lo sappiamo. I pantaloni da sci non sono progettati per essere indossati direttamente sulla pelle (per la maggior parte), e diventeranno umidi e freddi. 

I baselayer aiuteranno a regolare il calore, assorbire l’umidità e mantenerti comodo mentre pedali. 

Il poliestere di solito è il migliore per chi non ha problemi a stare al caldo, che vuole aumentare i propri livelli di attività con un po’ di park riding o backcountry, o per chiunque produca molto sudore, poiché non trattengono facilmente l’umidità. 

La lana merino è più adatta a coloro che desiderano un paio di intimo più morbidi, a cui piace sentirsi caldi e accoglienti, o che preferiscono semplicemente il tocco delle fibre naturali sulla pelle.

Alla fine, la semplice verità della questione è che scegliere un buon strato di base realizzato da un marchio rispettabile è sempre una scelta solida. Ci sono molti giganti del settore che producono ottimi baselayer e, che tu scelga sintetici o naturali, ti sentirai senza dubbio ben curato. Ma in ogni caso, speriamo che questo articolo faccia luce sulle tue scelte e, se eri sul recinto, ti aiuti a farle. Buon viaggio!

Share this post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email